Gli artisti

pppppl

Ritratti

martedì 14 giugno 2011
ore 20:30 - Sala Consiliare - Castello Campori

Davide Toffolo espone le sue opere durante la settimana del festival. Inaugurazione Martedì 14 giugno presso la Sala Consiliare del Comune di Soliera ore 20e30, prima di Arti Ridens (vedi). Sarà presente l’autore.

 

Orari mostra:

martedì 14 giugno’11 inaugurazione ore 20,30

mercoledì 15, giovedì 16 e venerdì 17 giugno’11 dalle 20,30 alle 24,00

sabato 18 giugno’11 dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 18,00 alle 24,00

domenica 19 giugno’11 dalle 18,00 alle 24,00

 

Davide Toffolo è tra i più importanti fumettisti italiani contemporanei ed è il capogruppo dei Tre Allegri Ragazzi Morti, gruppo punk rock italiano. Le sue opere grafiche riguardano sia i fumetti che le animazioni. Le sue due attività, fumettista e musicista, non sono separate, ma continuamente integrate da performance di disegno e musica, come le atmosfere musicali durante le sue mostre di fumetti o i videoclip dei singoli musicali.

 

È laureato in disegno anatomico all’Università di Bologna, città dove ha frequentato la scuola di fumetto Zio Feininger di Andrea Pazienza e Lorenzo Mattotti. Uno dei suoi temi prediletti è l’adolescenza con le sue difficoltà e i suoi conflitti. Toffolo è molto legato alla storia del fumetto italiano, ha partecipato al tributo a Magnus al festival internazionale di fumetto BilBOlbul a Bologna nel marzo 2007 con una mostra personale: “Nelle mani di Magnus” in Piazza Maggiore. Su Magnus ha anche realizzato una biografia. Oltre a Magnus tra i suoi ispiratori ci sono Pier Paolo Pasolini, Ettore Petrolini, Federico Fellini e Tim Burton ed ha dichiarato di aver avuto per un certo periodo una particolare predilezione per il Futurismo, movimento artistico che lo ha influenzato molto durante la sua vita di disegnatore e di musicista ( Toffolo fondò un gruppo prima di dedicarsi ai TARM, chiamato Futuritmi ). Si occupa anche di insegnare ai giovani l’arte del fumetto, collabora da più di dieci anni con scuole e associazioni culturali, nel 2000 ha realizzato un manuale: Fare Fumetto.

 

Un suo lavoro, Il re bianco, narra la storia della morte del gorilla bianco Copito de Nieve, dello zoo di Barcellona. Nel dicembre 2010 esce la sua ultima creazione: L’inverno d’Italia che vede come protagonisti due bambini sloveni che vivono la realtà di un campo di concentramento italiano durante la seconda guerra mondiale. Sempre nel 2010, a Torino, guida un workshop di romanzo grafico per il progetto SettantaOttanta, supportato dal Museo nazionale del Cinema, sui fatti avvenuti nel capoluogo piemontese fra il settembre e l’ottobre 1980, legati alla FIAT.

 

Espone Ritratti. E i ritratti sono anche il tema di Faccia a Faccia – indagine fisiognomica di un pubblico, Site Specific pensato per Arti Vive di cui è protagonista. (vedi)